Cos'è la Violenza|Il Dizionario della Violenza|Normativa

Nell’ultimo anno in Italia più di 100 donne sono state uccise, ma tante, troppe hanno subito abusi e vessazioni nel corso della propria vita. Il loro aguzzino è spesso una persona vicina e conosciuta. Donne picchiate, maltrattate, stalkizzate o che subiscono forme di abusi più sottili e subdoli: psicologici, economici, spirituali. Tutto questo trasforma la violenza di genere da fatto privato a problema sociale.

La violenza non è solo un gesto, è una spirale perversa che nasce spesso da un’illusione d’amore: è necessario capirla per potersi difendere.

Si deve uscire dagli stereotipi e contrastarla: questo fenomeno non è collegato a status sociali, culturali o a particolari condizioni psicologiche e comportamentali. È trasversale e risponde alla volontà di esercitare potere e controllo sulla donna. Riappropriati della tua vita, inizia un percorso con chi può aiutarti! 

Dietro alla difficoltà di riconoscere e quindi denunciare un atto violento c’è la disinformazione, la paura di conseguenze immaginate peggiori della violenza stessa: il senso di impotenza, la dipendenza emotiva o economica dal partner, il timore del giudizio degli altri. Difendi la tua libertà. Riprenditi il tuo diritto di decidere, di fare, di progettare, di essere.
  Nominare, riconoscere e identificare la violenza è il primo passo che consente alla donna di porre fine ad una relazione violenta. Dare visibilità al fenomeno è lo strumento più potente per uscire dal buio della vergogna di chi quotidianamente subisce. Dire basta non è una scelta, è una necessità.

Un atto violento trasforma la vita di una donna: è causa d’invalidità, di morte e danni psicologici permanenti con un’incidenza più alta rispetto ad altre malattie considerate i veri mali della società. La violenza non è un segreto da custodire, le conseguenze possono essere per sempre.

 


Provincia dell’Aquila
Assessorato Promozione Sociale e Scuola - Settore Sociale e Cultura - Via Rocco Carabba - 67100 L’Aquila
Tel.: +39 0862 2991 - e-mail: sociale@provincia.laquila.it